new helsinki quartet

 

petri aarnio

taija angervo

ilari angervo

tuomas lehto

è uno dei più celebri quartetti finlandesi degli ultimi anni. Fondato nel 1982, si aggiudica nel 1984 il primo premio in due concorsi di rilievo, il Viitasaari Quartet (Finlandia) e il Concertino Praga. Il successo inizia dopo aver vinto nel 1994 l'International String Quartet Competition a Londra, ottenendo tre riconoscimenti tra cui l'Audience Prize e il Sidney-Griller Award per la migliore esecuzione di un brano contemporaneo. Da qui è stato invitato al debutto nella Wigmore Hall all'interno della stagione "Young Masters". Nel 1997 riceve il più importante premio finlandese, il Nuori Suomi Award, che è assegnato una volta all'anno dal governo a singoli interpreti o a gruppi per particolari meriti in campo artistico. Nello stesso anno è nominato quartetto in residence presso la Tampere Music Academy, ruolo che ha tutt'oggi. Dal 1998 è invitato al Kuhmo Chamber Music Festival con l'esecuzione di numerose premiéres.
 
Il repertorio della formazione spazia tra vari stili ed epoche dal primo classicismo ai brani contemporanee.Il New Helsinki si è formato con una serie di quartetti celebri tra cui Amadeus, Takacs, Chillingrian and Britten. Ora sono spesso invitati in tutta Europa oltre a concerti nei principali centri dei Paesi Scandinavi. Altre esebizioni al festival City of London, Konzerthaus Berlin, Tonhalle Zurich, Concertgebow Amsterdam e una tournée in Spagna presso l'Auditorio Nacionale in Madrid, Barcelona e Valencia. Ha tenuto concerti, inoltre, in Australia, Giappone e Israele. Durante i 32 anni di esperienza, il quartetto si è esibito in 25 nazioni, e in più di 100 città in tutto il mondo. Nel 2004 inaugura una propria stagione a Helsinki, invitando ensembles come The Juilliard Quartet, The Hagen Quartet, The Tokio Quartet, ecc.
 
Ha preso parte a numerose trasmissioni radiofoniche in tutta Europa. Ha registrato i due quartetti di L. Janácek e quelli di J. Sibelius ed E. Grieg per l'etichetta Warner Finlandia. Per Ondine, ha inciso il quintetto di Weber con il clarinettista Kari Kriikku.